E' SOLO L'INIZIO.
Data: Lunedì, 06 luglio @ 01:23:42 CEST
Argomento: Politica


La vittoria del NO.
Si sprecano le celebrazioni per la vittoria; si sprecano perché non tutte sono autentiche, limpide, oppure, semplicemente dotate della necessaria consapevolezza circa l'entità della partita. Poco limpide sono le celebrazioni della Lega, che poi dice: però i soldi devono restituirceli. O quelle di un Fassina, che poco più di un anno fa era sottosegretario all'economia di un governo, se possibile, più merkeliano dell'attuale. Un pò penose quelle della sinistra vendoliana o ferrariana, che ormai può andare solo a festeggiare vittorie altrui. O quelle di Grillo, la cui strategia generale è per lo più 'genericamente' di sinistra, salvo improvvise retrocessioni (il dibattito sulla persistenza della destra e della sinistra è stucchevole). Di personaggi come la Meloni, che pur essa celebra, è inutile parlare.
Alla fine gli unici pienamente legittimati a celebrare, nonché degni di essere celebrati, sono Tsipras, Varoufakis e il popolo greco. Hanno inflitto una dura lezione ad una cricca politico finanziaria che da un ventennio monopolizza il potere e che sta mandando a gambe all'aria l'economia di tutto il sud dell'Europa.
Ora, festeggiamenti a parte, solo un ingenuo può pensare che i tedeschi e il complesso economico finanziario costruitosi sullo sfruttamento della valuta unica tra stati diseguali mollino tanto facilmente la partita. Mi domando se Varoufakis o Tsipras credano davvero che sia possibile restare in Europa imponendo condizioni diverse da quelle attuali, o se non siano già da tempo giunti alla conclusione che sia meno costoso mollare al più presto l'euro. Tanto, le banche gliele hanno già chiuse...

Angkor - 05/07/2015.








Questo Articolo proviene da www.dilontano.it
www.dilontano.it

L'URL per questa storia è:
www.dilontano.it/modules.php?name=News&file=article&sid=550