SE GLI ITALIANI FOSSERO PIÙ LAICI
Data: Martedì, 22 maggio @ 11:44:57 CEST
Argomento: Politica


Sembra vada in porto un governo formato da due forze politiche di recente formazione, che sono il prodotto di una violenta trasformazione dei rapporti sociali ed economici all’interno della società italiana. Trasformazioni ‘violente’ perché accompagnate da centinaia di suicidi di persone spogliate di tutto, dalla riduzione in miseria di un terzo della popolazione, e dalla commiserazione del nord Europa, che si avvantaggia a nostro danno della valuta fissa e che definisce amorevolmente noi del Sud,  ‘pigs’ o ‘cintura dell’aglio’.

I responsabili politici di questo disastro hanno la faccia di Monti, di Fornero, di Berlusconi, di Renzi, di Merchionne, di D’Alema, di Bersani; alcuni di costoro, o i loro portavoce, sono dei veri e propri Ascari, Quisling, di Merkel, di Macron, di Netanyahu...

È facile dire, per chi ha un ricordo vago della storia, che Lega e 5 stelle sono il nuovo fascismo. Se lo fossero, ne sarebbero una riedizione alquanto singolare, senza una borghesia atterrita dalle masse operaie guidate da due grandi partiti di massa con alle spalle i bagliori trionfali della rivoluzione russa, e in un contesto internazionale, quello attuale, molto più integrato nei rapporti di produzione, dove il ‘fascismo’ assume ben altri volti ed il ‘comunismo’, in qualsiasi forma, non esiste.

Sulla base di questi presupposti, e viste le reazioni scomposte “de leuropa” (e dei suoi ‘Ascari’), che si coprono di ridicolo dichiarando Paolo Savona o Giulio Sapelli dei ‘rivoluzionari, un governo Lega-5 stelle è, nella peggiore delle ipotesi, il male minore.

Detto questo, rimane l’atteggiamento acritico e fideistico degli adepti, che hanno lo stesso atteggiamento mentale dei vecchi militanti del Pci. Se dici a un fedelissimo di Di Maio che Savona va bene e pure Sapelli e che Conti è una radicale puttanata, sei uno del Pd...

Una maggiore laicità aiuterebbe il processo democratico ed eviterebbe gli errori. 

Salerno, 22/05/2018.









Questo Articolo proviene da www.dilontano.it
www.dilontano.it

L'URL per questa storia è:
www.dilontano.it/modules.php?name=News&file=article&sid=611