Benvenuto su www.dilontano.it
  Crea un account Home Argomenti Downloads Il tuo Profilo Scrivi articolo Email  
MENU
 Menu :
 Home
 Scrivi Articolo
 AvantGo
 Cerca
 Argomenti :
 Lista Utenti
 Politica
 Televisione
 Interviste
 Documenti
 Cinema
 Spettacolo
 Immagini
 Community :
 Feedback
 Passaparola
 Forums
 
 Web Links
 
 Statistiche :
 Statistiche Sito
 Top 10
 Documenti :
 Contenuti
 FAQ
 Recensioni
 Enciclopedia

 Che ora è? :
18:27:57
Data : 20-09-2021

Vecchi Articoli
Martedý, 28 marzo
· EUROPA INCOSTITUZIONALE
Martedý, 21 marzo
· FAMILISMO GLANOUR
Lunedý, 13 marzo
· ANTIFASCISMO MILITANTE. MA DOV'╚ IL FASCISMO ?
Mercoledý, 01 marzo
· ''Siate ancora pi¨ napoletani di quanto siate mai stati''
Lunedý, 27 febbraio
· LO STATO DELLE COSE
Sabato, 17 dicembre
· ANALFABETISMO POLITICO
Giovedý, 15 dicembre
· L'ESTETICA Ė LA MADRE DELL'ETICA
· DOPO L'EURO, OLTRE KEYNES. IINTERVISTA A SERGIO CESARATTO
Domenica, 04 dicembre
· AMICI VICINI E LONTANI
Lunedý, 28 novembre
· ASINI FAMOSI...
Giovedý, 24 novembre
· TALK SHOW
Giovedý, 08 settembre
· CATTIVI MAESTRI E I FAN DI JOE COCKER
Domenica, 28 agosto
· IL PI┘ ITALIANO DEI TEDESCHI
Martedý, 09 agosto
· SERVI E PADRONI
Domenica, 07 agosto
· ADORNO, DA RILEGGERE SEMPRE...
· LA BAMBINA DI HIROSHIMA
· DONNA BIANCA SE NE VA E NULLA CAMBIER└...
Martedý, 05 luglio
· MILLE MODI DI PERDERE TEMPO
Domenica, 19 giugno
· CONDOTTIERI INATTENDIBILI
Mercoledý, 15 giugno
· INEDITO KEINESIANO
Mercoledý, 01 giugno
· GLI STRACCIONI DI OLIVIERO
Venerdý, 20 maggio
· PANNELLA
Giovedý, 05 maggio
· IL SISTEMA DE LUCA
Giovedý, 28 aprile
· IN ATTESA DI OSHO
Lunedý, 18 aprile
· ADESSO VINCE CHI NON VOTA (E NON E' VOTATO)
Sabato, 16 aprile
· MICHELE SERRA: un intellettuale 'di sinistra' pagato per tormentarsi invano.
Giovedý, 14 aprile
· VOTO SI' NON FOSSE ALTRO CHE PER DISGUSTO
Sabato, 19 marzo
· CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO (II)
Giovedý, 03 marzo
· FRAMMENTI DI STORIA
Domenica, 28 febbraio
· PRIORIT└
Mercoledý, 24 febbraio
· ECO E JOBS
Mercoledý, 17 febbraio
· QUELLO CHE I 'SINISTRATI' NON SANNO E NON VOGLIONO SAPERE
Sabato, 13 febbraio
· SPIRITO SANTO.
Domenica, 07 febbraio
· LA PELLE DURA DELLO SCERIFFO.
· QUADRETTI
Sabato, 06 febbraio
· 'Un bel dý vedremo'
Mercoledý, 27 gennaio
· DALLO STATO SOCIALE CAPITALISTICO ALLO STATO DEL CAPITALE
Martedý, 12 gennaio
· IL PRONIPOTE PERVERSO DELLO ZIO TOM
Domenica, 08 novembre
· E' SOLO QUESTIONE DI NASO
Mercoledý, 21 ottobre
· FORMAZIONI PREDARTORIE E CAPITALISMO FONDATO SULL'ESCLUSIONE
Lunedý, 07 settembre
· LA RESA DEI CONTI CON LA STORIA
Giovedý, 13 agosto
· L'AMORE AL TEMPO DELLE BANCHE
Lunedý, 20 luglio
· LA ROVINA DELL'EURO
Lunedý, 06 luglio
· E' SOLO L'INIZIO.
Giovedý, 02 luglio
· IL PIEDE SUL COLLO DEI PIGS
Martedý, 30 giugno
· FORSE SI CHIAMA COLONIALISMO
Lunedý, 29 giugno
· SONO SOLO AFFARI
Lunedý, 15 giugno
· OBAMA, COME O PEGGIO DI BUSH
Martedý, 02 giugno
· IL MIO VOTO VALE (SOLO) UNO.
Lunedý, 18 maggio
· LA SATIRA AI TEMPI DEL MAINSTREAM

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno i servizi offerti.

SALUTI DALLA PATAGONIA, da Bariloche, dalle cime dell'Aconcagua, dalle Pampas...

Danilo e Monica, novelli Chatwin, ci raccontano in diretta il loro viaggio in Argentina: "...Peninsula Valdes, un paradiso naturalistico, dove di solito si avvistano le balene; noi non ne abbiamo viste poiche' non e' la stagione ideale, ma in compenso abbiamo beccato pinguini, leoni ed elefanti marini, cormarani, gabbiani, armadilli, volpi, struzzi, cavalli e pecore: uno spettacolo!".. (Altri viaggi:CUBA, con foto).
Dall'Argentina, Danilo e Monica (4/16/28 febb. 2008 - Aggiornamenti: il 28/02, 03/03/08).


Ciao a tutti!
Negli ultimi giorni non avete avuto nostre notizie poiche' siamo stati
in una zona in cui l'accesso ad internet e la copertura telefonica non
ci sono e quindi era difficile mettersi in contatto. Cmq tengo subito a
precisare che stiamo benissimo ed il viaggio procede altrettanto.
Nel momento in cui scrivo sono le ore 11 di domenica 17 febbraio e ci
troviamo da pochi minuti nella citta' di Bariloche.
Cerchero' di riassumere brevemente quello che e' successo in qs
settimana di black out di notizie.
Lunedi 11 febbraio abbiamo lasciato Ushuaia e la Tierra del Fuego,
dove ci siamo concessi delle splendide camminate nel Parco Nazionale
Tierra del Fuego
ed una bella escursione in barca nel canale di Beagle,
per raggiungere la citta' di El Calafate dopo un estenuante viaggio
(nota costante!) in autobus di 19 ore. A El Calafate siamo rimasti 2
giorni; il primo giorno l'abbiamo dedicato alla visita dell'imponente
ghiacciaio Perito Moreno: uno spettacolo affascinate, paragonabile, e
mi rivolgo ad Antonio, Fiore, Giovi e Luciano, ad Ayers Rock. Un
enorme, smisurato blocco di ghiaccio che copre la montagna ed il lago,
colorato dalla luce del sole di un azzurro tenue bellissimo. Difficile
da raccontare se non lo si vede! Oltre che un'esperienza visiva il
Perito Moreno e' anche un'esperienza uditiva, visto che ogni tanto
qualche "pezzo" di ghiaccio si stacca per piombare nelle acque del lago
con un fragoroso boato; nulla a che veder con la ben piu' famosa
rottura che testimoniano i tg di mezzo mondo e che dovrebbe prodursi
secondo i calcoli degli studiosi a meta' marzo.
Il secondo giorno, mer 13/02, siamo stati sul Lago Roca, nei dintorni
di El Calafate, sulla cima di un monte dal quale e' possibile notare la
maestosita' del Perito Moreno. La giornata e' stata pero' piovosa, cosi
che nel pomeriggio ci siamo rintanati in un bar dove, davant ad un
ottimo boccale di Quilmes (la birra nazionale argentina) abbiamo fatto
la conoscenza di un ragazzo argentino e di tre cileni.
Giovedi mattina siamo partiti alla volta di El Chalten, l'altra citta'
che ricade nel Parco Nazionale Los Glaciares, dove abbiamo passato 2
giorni fantastici dedicati alle escusioni a piedi (mamma mia quanti km
abbiamo fatto!) nella straordinaria catena del Fitz Roy nella Ande
Meridionali
, tra picchi innevati, lagune, fiumi, boschi incantati:
un'esperienza davvero eccezionale!
Nella nottata di venerdì abbiamo lasciato El Chalten e dopo 31 ore di
autobus lungo la mitica Ruta 40, una strada non asfaltata, sulla quale
abbiamo percorso circa 1700 km
, abbiamo lasciato la Patagonia per
entrare nella regione dei laghi, di cui Bariloche e ' la capitale.
La Patagonia si e' rivelata bellissima: la natura selvaggia, le
montagne frastagliate, il vento perenne, i suoi ghiacciai che si
schiantano con fragore, il suo spazio infinito che si estende nel
nulla, il suo cielo, dai colori mai visti primi, la carne asada e il
pesce della Tierra del Fuego, la gente, cordialissima e
disponibilissima, sempre con il sorriso sono cose da provare e vedere,
assolutamente.
Qui finisce il racconto. Ci sentiamo presto.
Un abbraccio a tutti voi.
Ciao, Danilo & Monica.




Ciao a tutti.
Ci siamo! Siamo arrivati a Bs As martedi mattina h 03:00 locali (le 06:
00 in Italia) dopo un interminabile viaggio di 16 ore. Non contenti
appena arrivati siamo subito ripartiti in bus alla volta di Necochea,
una cittadina di mare delle Pampas che si trova a circa 530 km da Bs
As. Oggi e' il secondo giorno che siamo qui. Siamo in piena estate;
ieri al ns arrivo era nuvoloso ma oggi c'e' sole e la temperatura
raggiunge i 30 gradi. Questa citta' come le altre della costa atlantica
delle Pampas e' luogo di villeggiatura ed e' super affollata;
l'ambiente ricorda molto quello australiano della Gold Coast anche se
piu' arrepezzato! Gli argentini sono molto gentili e la carne arrostita
(carne asada) e' davvero ottima; inoltre i prezzi, nonostante si sia in
alta stagione, sono abbastanza abbordabili e x noi che abbiamo gli euro
il cambio e' molto conveniente
. Anche domani rimaniamo qui con
l'intenzione di andare un po' al mare e riposarci poiche' siamo ancora
stanchi dei viaggi. In nottata partiamo alla volta di Puerto Madryn,
il punto di inizio della nostra escursione in Patagonia. Presto avrete
altre notizie. Per chi fosse interessato possiamo ricevere sms al
numero di Danilo; appena possibile risponderemo.
Un bacio a tutti,
Danilo e Monica

Ciao a tutti, continuo il diario di viaggio in Argentina. Al momento della stesura del presente messaggio sono le ore 12:03 di venerdi 8 febbraio 2008. (in Italia sono le 15)
Abbiamo lasciato la citta di Trelew, nella provincia del Chubut, lunedi scorso (04/02)partendo di sera per Rio Gallegos, dove siamo arrivati il giorno dopo nel pomeriggio. Rio Gallegos era la nostra base x partire alla volta della Terra del Fuoco, ma non abbiamo trovato posto sugli autobus e quindi ci siamo dovuti fermati una notte. Siamo ripartiti il giorno dopo (mer 06/02) alla volta di Ushuaia. Il viaggio e' durato circa 20 ore, anche perche' siamo stati costretti dalle pessime condizioni meteo, un vento inimagginabile, ad aspettare circa 7 ore per attraversare lo stretto di Magellano. Cmq e' stata un'esperienza fantastica! Dallo stretto ad Ushuaia abbiamo impiegato ancora 7 ore per raggiungere la citta', arrivandovi alle 3 della notte di gio 07/02. La buona mano di non so quale dio ha fatto si che trovassimo da dormire in un B&B, che avevamo contattato durante il viaggio. E' stata una salvezza, perche' al ns arrivo ad Ushauia in piena notte faceva abbastanza freddo (circa 4 gradi), pioveva e tutto era chiuso. La fortuna si e' rivelata ancora maggiore il giorno dopo (ieri) quando i propietari del B&B (persone gentilissime ed accoglienti, come la maggior parte della gente che vive qui in Patagonia) ci hanno detto che non potevamo rimanere perche' era tutto prenotato. Dopo qualche giro abbiamo comunque trovato alloggio in un albergo, un po' caro ma era una delle poche disponibilita'. Ieri, quindi, e' stato il ns primo giorno di conoscenza di Ushuaia. E' una citta' bellissima, in una posizione geografica meravigliosa e ricca di fascino per la sua condizione di ultima citta' del sud del mondo. Ieri pomeriggio dopo esserci lavati e rifocillati abbiamo fatto un'escursione ad un ghiacciao nei pressi della citta' da dove si gode un panoramoa spettacolare della baia. Siamo stati fortunati perche' ieri e' stata una bella giornata. Oggi invece piove e fa freddo; per questo abbiamo deciso di rimandare a domani la nostra visita al Parco Nazionale della Terra del Fuoco, sperando che il tempo sia piu' clemente, anche se qui in un solo giorno cambia piu' volte in maniera repentina. Rimarremo qui fino a domenica notte; poi partiremo di nuovo per il Nord alla volta della citta' di El Calafate, punto di partenza per le escursioni al ghiacciao del Petito Moreno.
Che altro dire? Che non ci sono parole, o io non so trovarle, per descrivere questa specie di paradiso; l'unico modo sarebbe di veder con i propri occhi. Oggi pomeriggio, forse faremo un giro della baia in catamarano, anche se dobbiamo valutare la spesa: qui infatti e' tutto + caro rispetto al resto e ci sono un sacco di offerte su cosa fare (da questo punto di vista l'offerta turistica e' vastissima) e decidere e' molto difficile visto che in viaggio si cerca di fare quanto piu' possibile. Vedremo. Adesso vi lascio, sembra essere uscito il sole: chissa' che non si riesca a organizzare qualcosa, anche se rimanere al pc contemplando la baia di Ushuia non e' affatto una cosa da buttare.
Un saluto, a presto sentirci.
Confermo, a quanti fossero preoccupati, che stiamo benissimo e che il viaggio fino ad ora si e' svolto in maniera piu' che tranquilla, anche perche' qui la gente e' gentile da non credere!
Un saluto affettuoso a tutti.
Danilo e Monica

Ciao a tutti.
Nel momento in cui scrivo sono le ore 21:20 di domenica 3 febbraio
2008, orario di buenos aires.
Ci troviamo a Puerto Madryn, dove siamo arrivati venerdi scorso in
tardo pomeriggio dopo un lungo faticoso e monotono viaggio di 16 ore.
Puerto Madryn e' la porta di accesso della Patagonia Argentina; qui fa
un caldo boia, 30-35 gradi ed io come al solito mi sono gia' ustionato!
Ieri abbiamo visitato un paesino di origini gallesi dove avremmo dovuto
bere del te, da tradizione, ma vista la temperatura abbiamo optato per
un'ottima birra. La birra nazionale argentina, la Quilmes, oltre che
essere economica, un litro costa poco piu' di 2 euro, e' ottima e
ricorda molto quella australiana: ne beviamo molta!!Oggi abbiamo fatto
un'escursione alla peninsula Valdes, un paradiso naturalistico, dove di
solito si avvistano le balene; noi non ne abbiamo viste poiche' non e'
la stagione ideale, ma in compenso abbiamo beccato pinguini, leoni
marini, elefanti marini, cormarani, gabbiani, armadilli, volpi,
struzzi, cavalli e pecore: uno spettacolo! La giornata e' stata
fantastica. Spero che le centinaia di foto fatte finora rendano l'idea.
Domani facciamo un'altra escursione a Punta Tombo, il luogo dove
vivono piu' pinguini di tutto il Sud America, circa mezzo milione. In
serata partiamo x Rio Gallegos, ancora piu' al sud, da dove poi
dovremmo raggiungere Ushaia, la citta' piu' al sud del mondo. La cosa
e' abbastanza complicata perche' qui siamo in piena estate e ci sono un
sacco di turisti per cui trovare un passaggio in bus o un posto in
ostelli e' complicato: speriamo bene!
Per il resto le prime impressioni sull'Argentina sono abbastanza
positive; come gia' detto in precedenza mi ricorda molto l'Australia,
anche se un poco piu' povera e meno organizzata dal punto di vista
turistico. Per quanto riguarda le bellezze naturali, invece, promozione
a pieni voti. La vita non e' tanto cara, soprattutto x noi che abbiamo
gli euro, le citta' sembrano abbastanza sicure, la gente molto affabile
e gentile e il cielo della Patagonia e' indescrivibile.
Bene, mi fermo qui per non annoiarvi o per non farvi rosicare troppo! :
Penso che al Sud sara' piu' difficile comunicare ma cerchero' di farvi
avere nostre notizie. Noi stiamo bene e, logicamente, ce la stiamo
spassando. Mando un bacio a tutti, ringrazio di cuore quelli che hanno
risposto.
A presto,
Danilo y Monica


25/02/08


Ciao a tutti!
Siamo da poco arrivati nella citta' di Cordoba; dopo vari km alla
ricerca di un albergo ne abbiamo trovato uno piuttosto costoso e
nell'attesa che sistemino la camera ci permettono di utilizzare il
computer.
Noi continuamo a stare bene ed il viaggio procede altrettamto, anche
se la data della partenza si avvicina: un vero peccato!! Cordoba e',
infatti, la quart'ultima tappa; mancano Rosario, Iguazu' e Bs As e poi
si ritorna (accidentaccio!).
Bene, cerchero' di riassumervi brevemente le ultime evoluzioni del
tour.
Fino a mer 20/02 siamo rimasti nella splendida citta' di Bariloche,
dove ci siamo concessi 3 giorni di escursioni nel magnifico Parco
Nazionale Nahuel Huapi, tra vette innevate, foreste e laghi
spettacolari. Abbiamo anche fittato le bici x una giornata intera
facendo circa 50 km per approfittare ancora meglio del meraviglioso
paesaggio naturale offerto dal luogo; in alcuni frangenti sembrava di
stare in Svizzera. A bariloche abbiamo avuto anche un'ottima esperienza
culinaria, avendo la fortuna di provare alcuni ristoranti davvero
eccellenti.
Giovedi 21/02 siamo arrivati a Mendoza, la riconosciuta capitale
enologica argentina (anche se, purtroppo, x mancanza di tempo, non
abbiamo avuto la possibilita' di sorseggiare un buon bicchier di
Malbec: cercheremo di rifarci qui). Mendoza e' una citta carina, con le
strade ricamate da platani, che offrono la loro ombra ristoratrice
durante le passeggiate per le affollate vie del centro. In effetti e'
una citta' dallo standard europeo, con molti negozi x turisti
(abbastanza economici), ristoranti e delle belle piazze. Nello stesso
giorno siamo saliti anche sul Cerro de la Gloria, un monumento
cittadino da cui si gode un bel panorama della citta' e dei suoi
dintorni, ossia della spettacolare Cordigliera delle Ande. In serata,
invece, un fortissimo e violento acquazzone, che ha trasformato le
strade in fiumi, ci ha costretti a rimanere in ostello, digiuni e morti
di fame!
Il giorno dopo (ieri) ci siamo, per l'appunto, concessi una escursione
in alta montagna fino al confine con il Cile; in autobus con argentini,
svedesi, spagnoli e olandesi abbiamo percorso circa 400 km tra vette
altissime, valli immense e monumneti naturali e non di raro fascino
(come il ponte dell'Ica). Non abbiamo potuto ammirare la vetta
dell'Aconcagua (la cima + alta al mondo, fatta eccezione per la catena
dell'Himalaya) poiche' era coperta da nubi, ma in compenso siamo saliti
fino a 4200 mt s.l.m. da dove abbiamo goduto di un panorama mozzafiato.
In serata siamo, poi, partiti alla volta di Cordoba, dove pensiamo di
rimanere 3/4 giorni.
Adesso vi lascio perche' ho urgente bisogno di una buona doccia; e poi
c¡'e' Cordoba che ci aspetta!
A presto.
Baci a tutti,
Danilo e Monica


03/03/08

Ciao gente,
come va?
Noi ci troviamo a Bs As (Buenos Aires,ndr) tutto procede x il meglio e siamo in attesa
di imbarcarci sull'aereo che ci portera' alle cascate di Iguazu',
nostra ultima meta (sigh, sigh!!)
Siamo a Bs As da venerdi 29/02, arrivati nel tardo pomeriggio da
Rosario. Siamo alloggiati nello strorico e turistico quartiere di San
Telmo, pieno di giovani es artisti bohemienes, molto caratterustico e
piacevole da vivere e visitare.
Il nostro tour di Bs As e' iniziato sabato 01/03, con la visita del
residenziale quartiere della Recoleta, pieno di edifici imponenti e di
negozi di alto livello. Nel tragitto x raggiungere la Recoleta, abbiamo
attraversato il cosidetto microcentro di Bs As, avendo cosi modo di
ammirare la famosa Plaza de Mayo, la Casa Rosada, la bellissima
cattedrale ed alcune delle vie centrali pullulanti di gente, negozi,
artisti di strada: un melting pot di rara intensita' e stravaganza.
Il barrio della Recoleta e' altrimenti famoso x il suo cimitero
storico, pieno di tombe piu' o meno imponenti, piu' o meno curate di
personaggi piu' o meno illustri che vissero e fecero la storia di Bs As
e dell'Argentina. Abbiamo girovagato nel cimitero x un paio di ore,
ammaliati dalle storie e dagli aneddoti legati ad esso. Tra le altre
abbiamo anche visto la tomba di Evita, l'unica che ha fiori durante
tutto l'anno.
Nel pomeriggio si siamo persi tra le bancarelle piene di "opere
d'arte" della Feria Artesanal della Recoleta, dove abbiamo fatto
qualche piccolo acquisto.
In serata abbiamo fatto una piccola ma piacevole passeggiata nel
quartiere (barrio) di Puerto Madero, l'antica zona portuale di Bs As,
oggi convertito in quartiere residenzialem con banche ed uffici di
importanti multinazionali. Per cena, come al solito, bife de chorizo (e
che qui la carne e' davvero gustosa!) in un romantico patio di San
Telmo.
Domenica, invece, abbiamo girato x San Telmo, ammirato il suo
affollatissimo mercatino, visto qualche esibizione di ballerini di
tango; abbiamo anche fatto un'escursione nel quartiere de la Boca, dove
abbiamo visitato il Caminito, la storica strada del quartiere con le
sue case colorate si diversi colori, le varie milongas: uno spettacolo
per gli occhi.
Nel pomeriggio immersione della passione argentina x eccellenza; con
Nacho e Sole siamo stati al mitico Monumental x assistere alla partita
di calcio River Plate-San Martin de San Juan, in una cornice di
pubblico, suoni, colori emozionante.
Per la cronaca, la partita e' stata sospesa al 35' st per
impraticabilita' del campo, a causa del violento temporale che si e'
abbattuto sulla citta' x circa 3 ore, trasformandola in un'enorme
piscina a cielo aperto, sul risultato di 3-2. In serata ci siamo
congedati dai nostri amici, che ci hanno dato appuntamento in Italia
tra 3/4 anni x il loro viaggio di nozze.
Bs As e' una citta' bella, troppo grande e caotica, ma stravagante e
bizzarra, pieno di attrattive x tutti i gusti, che cmq necessita
abbastanza tempo x essere visitata e conosciuta a fondo. A noi e' cmq
piaciuta moltissimo.
Lunedi abbiamo fatto un tuffo nel passato, recandoci nella capitale
del gauchismo, San Antonio De Areco, una tranquilla e verdeggiante
cittadina immersa nelle Pampas Argentine, dove in un bel museo abbiamo
potuto approfondire le nostre conoscenze sugli usi e costumi del gaucho
argentino, l'equivalente del cow-boy americano.
In serata, tornati a Bs Asm siamo tornati presto in ostello x
preparare gli zaini,
Ieri siamo stati in Uruguay, a Colonia del Sacramento una bella
cittadina il cui centro storico e' stato dichiarato Patrimonio Storico
dell'Umanita' dall'Unesco. La citta si trova sull'altra sponda del
largo fiume de la Plata, di fronte a Bs As e sa essa distante un'ora di
traghetto. In serata siamo stati a trovare dei compaesani trapiantati
qui da 50 anni, che molto gentilmente ci hanno offerto la cena e
qualche simpatico ed istruttivo racconto sull'emigrazione italiana in
Argentina.
Bene, questo e' tutto.
Il viaggio, putroppo, sta volgendo al termine: qs e' motivo di
dispiacere x noi. Ci restano pero le cascate di Iguazu', nella speranza
che il boccone del ritorno dia meno amaro. Non so se da Iguazu' avremo
il tempo, la voglia o la possibilita' di farci vivi; cmq venerdi
ritorniamo :-(((((((
Ciao, a presto
Danilo e Monica.




 
Links Correlati
· Inoltre Documenti
· News by dilontan


Articolo più letto relativo a Documenti:
Mini dialogo sulla FELICITA'


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 4
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico


Argomenti Correlati

COSTUME

Notizie ©
 

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Giampiero D'Amato. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.06 Secondi