Benvenuto su www.dilontano.it
  Crea un account Home Argomenti Downloads Il tuo Profilo Scrivi articolo Email  
MENU
 Menu :
 Home
 Scrivi Articolo
 AvantGo
 Cerca
 Argomenti :
 Lista Utenti
 Politica
 Televisione
 Interviste
 Documenti
 Cinema
 Spettacolo
 Immagini
 Community :
 Feedback
 Passaparola
 Forums
 
 Web Links
 
 Statistiche :
 Statistiche Sito
 Top 10
 Documenti :
 Contenuti
 FAQ
 Recensioni
 Enciclopedia

 Che ora è? :
10:05:24
Data : 13-07-2020

Vecchi Articoli
Lunedì, 13 marzo
· ANTIFASCISMO MILITANTE. MA DOV'È IL FASCISMO ?
Mercoledì, 01 marzo
· ''Siate ancora più napoletani di quanto siate mai stati''
Lunedì, 27 febbraio
· LO STATO DELLE COSE
Sabato, 17 dicembre
· ANALFABETISMO POLITICO
Giovedì, 15 dicembre
· L'ESTETICA Ė LA MADRE DELL'ETICA
· DOPO L'EURO, OLTRE KEYNES. IINTERVISTA A SERGIO CESARATTO
Domenica, 04 dicembre
· AMICI VICINI E LONTANI
Lunedì, 28 novembre
· ASINI FAMOSI...
Giovedì, 24 novembre
· TALK SHOW
Giovedì, 08 settembre
· CATTIVI MAESTRI E I FAN DI JOE COCKER
Domenica, 28 agosto
· IL PIÙ ITALIANO DEI TEDESCHI
Martedì, 09 agosto
· SERVI E PADRONI
Domenica, 07 agosto
· ADORNO, DA RILEGGERE SEMPRE...
· LA BAMBINA DI HIROSHIMA
· DONNA BIANCA SE NE VA E NULLA CAMBIERÀ...
Martedì, 05 luglio
· MILLE MODI DI PERDERE TEMPO
Domenica, 19 giugno
· CONDOTTIERI INATTENDIBILI
Mercoledì, 15 giugno
· INEDITO KEINESIANO
Mercoledì, 01 giugno
· GLI STRACCIONI DI OLIVIERO
Venerdì, 20 maggio
· PANNELLA
Giovedì, 05 maggio
· IL SISTEMA DE LUCA
Giovedì, 28 aprile
· IN ATTESA DI OSHO
Lunedì, 18 aprile
· ADESSO VINCE CHI NON VOTA (E NON E' VOTATO)
Sabato, 16 aprile
· MICHELE SERRA: un intellettuale 'di sinistra' pagato per tormentarsi invano.
Giovedì, 14 aprile
· VOTO SI' NON FOSSE ALTRO CHE PER DISGUSTO
Sabato, 19 marzo
· CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO (II)
Giovedì, 03 marzo
· FRAMMENTI DI STORIA
Domenica, 28 febbraio
· PRIORITÀ
Mercoledì, 24 febbraio
· ECO E JOBS
Mercoledì, 17 febbraio
· QUELLO CHE I 'SINISTRATI' NON SANNO E NON VOGLIONO SAPERE
Sabato, 13 febbraio
· SPIRITO SANTO.
Domenica, 07 febbraio
· LA PELLE DURA DELLO SCERIFFO.
· QUADRETTI
Sabato, 06 febbraio
· 'Un bel dì vedremo'
Mercoledì, 27 gennaio
· DALLO STATO SOCIALE CAPITALISTICO ALLO STATO DEL CAPITALE
Martedì, 12 gennaio
· IL PRONIPOTE PERVERSO DELLO ZIO TOM
Domenica, 08 novembre
· E' SOLO QUESTIONE DI NASO
Mercoledì, 21 ottobre
· FORMAZIONI PREDARTORIE E CAPITALISMO FONDATO SULL'ESCLUSIONE
Lunedì, 07 settembre
· LA RESA DEI CONTI CON LA STORIA
Giovedì, 13 agosto
· L'AMORE AL TEMPO DELLE BANCHE
Lunedì, 20 luglio
· LA ROVINA DELL'EURO
Lunedì, 06 luglio
· E' SOLO L'INIZIO.
Giovedì, 02 luglio
· IL PIEDE SUL COLLO DEI PIGS
Martedì, 30 giugno
· FORSE SI CHIAMA COLONIALISMO
Lunedì, 29 giugno
· SONO SOLO AFFARI
Lunedì, 15 giugno
· OBAMA, COME O PEGGIO DI BUSH
Martedì, 02 giugno
· IL MIO VOTO VALE (SOLO) UNO.
Lunedì, 18 maggio
· LA SATIRA AI TEMPI DEL MAINSTREAM
Domenica, 03 maggio
· IL DUCETTO FIGLIO DI UFO ROBOT
Sabato, 07 marzo
· REGIONALI DELLA CAMPANIA - PARTITE DOPPIE, TRIPLE...

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno i servizi offerti.



LA 'NDRANGHETA AL GOVERNO.
Il sostituto procuratore della Procura nazionale antimafia, Alberto Cisterna, ha sintetizzato bene la situazione. “A sparare – ha detto il magistrato – agli immigrati sono stati sicuramente uomini della ‘ndrangheta, per far vedere che sono loro a controllare il territorio. [...] Quando la gente si è sentita aggredita si è rivolta ai mafiosi che sono stati costretti ad intervenire perchè non possono perdere la faccia. [...] Così hanno mandato qualche squadraccia di giovani killer che hanno sempre a disposizione” per incutere terrore. La questione di fondo, secondo Cisterna, è che ”la gente si rivolge a loro, nel senso che sono loro la gente”, ‘’sono onnipresenti”. ”I primi che hanno sparato giovedì scorso addosso agli immigrati – ha spiegato il giudice – sono stati sicuramente i rampolli di mafia”. Ogni volta che una minoranza crea difficoltà, ”vanno e fanno un raid. Tutti i giovani delle famiglie mafiose della Piana di Gioia Tauro vanno armati fin da ragazzi”.
E inoltre:"Secondo la Coldiretti il prezzo delle arance dall’albero alla nostra tavola subisce una moltiplicazione del 474 percento". Tuttavia, col cambio delle politiche comunitarie a molti agricoltori le arance conviene farle marcire, e perciò i "negri" non servono più...
Analisi da "L'inviato speciale" e dall'Unità. (G.S. 11/01/10)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

SCENE DI CACCIA IN BASSA BAVIERA
Ovvero: fuori i negri dal mio salotto!
In differita di due ore da Salerno: Il Corso brulica di persone che guardano estasiate le luci artistiche del sindaco (le ha messe lui con le sue mani, una per una?); ma brulica anche di vigili urbani a caccia di neri. Uno l'hanno preso: è l'omaccione che tutti gli anni si veste da babbo natale e suona un bongo, instancabile...
Ma tra i vigili e il povero nero si frappone un manipolo di pensionati che strillano inviperiti: Che fa di male, lasciatelo stare! Una vigilessa, che brandisce penna e taccuino e si affanna per agguantare la preda, grida a sua volta: Va identificato e multato! Il nero-babbo natale, dall'alto del suo corpaccione, conforta i vecchietti: "Non vi preoggubate, sono abituato". Più in là, da una macchina sempre dei vigili (ce ne sono tre in 300 metri più una dei CC e una della polizia) spuntano tanti palloncini colorati che tirano verso il cielo. I vigili vendono palloncini? No, ne hanno beccato un altro che vigliaccamente tentava di spacciarli in barba alla Legge...
Segue, nei commenti, un "nutrito dibattito sulla questione svoltosi su Facebook (B.S. - 05/01/2010 ore 21,00)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

IN CERCA DI RADICI
E' evidente che non vi è alcun dibattito politico a sinistra del PD, inteso come discussione e approfondimento partecipato, ricerca di una linea da seguire sulla base di un metodo minimamente condiviso e che, soprattutto, riesca a tenere in conto gli strumenti minimi ed essenziali della cultura politica e sociologica marxista.
Molto sinteticamente, Mao diceva che non ha diritto di parola chi non ha fatto inchiesta. E noi ci accontenteremo di questo semplice assioma per spiegarci il deserto di analisi e di discussione che soffoca la sinistra, nonché l'inconsistenza del suo agire politico...
Nel tentativo di  trovare un bandolo della matassa, un discorso utile da riprendere, pubblico due interventi esemplari: il primo, come esempio di chiarezza e lucidità di analisi e come discorso da riannodare, ed è un intervento di Alfredo Reiclin in commemorazione dell'economista Claudio Napoleoni dell'ottobre 2008; il secondo è un intervento di Fausto Bertinotti del dicembre 1999, che invece contiene in sé tutti i prodromi di una di Babele politico culturale, una sintesi bizzarra tra Craxi e Toni Negri...Segue commento e i link dei due interventi. (G.S. 04/01/2010).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

HABEMUS LINEAM (?)
Paolo Ferrero, in un'intervista su Liberazione delinea un progetto politico in forma sintetica, ma complesso e plausibile. Sarò distratto ( o prevenuto), ma è la prima volta che leggo una proposta politica organica, che viene da sinistra. La cosa più straordinaria, vista la verbosa logorrea che vi abbonda, è che si legge in cinque minuti. Segue intervista. (G.S. 30/12/09)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA GRANDE SALERNO (quater): LA CHIESA DI S.GREGORIO INCERAMICATA A MO' DI CUCINA
Il progetto della “Grande Salerno” procede inarrestabile, accompagnato dai comizi itineranti del Sindaco, che non perde occasione per inaugurare qualcosa al giorno, strade, vicoli, rotonde, piazze e piazzette. Non sarà il Sole 24 ore a fermare la mirabolante trasformazione della città con le sue classifiche male auguranti, per cui Salerno sarebbe all'87° posto in graduatoria: praticamente uno dei capoluoghi di provincia più invivibili, qualche punto sopra Reggio Calabria, ma sotto Napoli. E' vero, l'unica cosa che c'era da fare, la metropolitana e i parcheggi all'ingresso della città non ci sono e non si faranno mai. Molto più redditizia l'economia dei parcheggi interrati al centro, a costi stellari. Ma anche più gratificante una città con le “luci d'autore” tra novembre e gennaio, e le chiese storiche inceramicate di mattonelle come una cucina della Costiera. Su quest'ultima vicenda, davvero deprimente, ci informa un nostro nuovo collaboratore, senza dubbio informato sulla materia. Di seguito il suo prezioso contributo dal titolo: Si fa presto a dire arte. (G.S. 27/12/09).
Clicca qui per leggere l'articolo completo

GLI 'OTTUSI' DI RIFONDAZIONE
Marco Revelli rilascia sul Manifesto un'eccellente intervista sulle condizioni della democrazia in Italia ( che riprodurremo per intero, se il quotidiano la toglierà dalla visibilità dei non abbonati), Paolo Ferrero sul quotidiano di partito e su facebook propone di costruire un largo fronte di difesa della Costituzione esteso a tutti i democratici consapevoli della grave e pericolosa deriva in cui versa il Paese. L'attenzione si è appuntata non tanto sulle proposte ragionevoli e opportune (ad avviso di chi scrive) del segretario di Rifondazione, quanto sui commenti che compaiono su FB e sul Blog dello stesso segretario. Si tratta di una situazione simile a quella dell'Iran, quando Ferrero è stato subissato di critiche e da qualche insulto dall'interno del suo partito, poiché si era schierato a favore della ribellione contro gli ayatollah. In quell'occasione i manifestanti iraniani venivano tacciati, dai comunisti duri e puri, di connivenza con la Cia, di essere dei piccolo-borghesi, e cose del genere... Di seguito l'incazzato commento del sottoscritto alla discussione sulla proposta di Ferrero, che esprime l'insofferenza nei confronti di una sinistra "più di sinistra", bisognosa di salvarsi incessantemente nella negazione pura e semplice, in una coazione a ripetere il nulla, degna di attenzione psicoanalitica... (B.S. 26/12/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

GLI INTREPIDI GIUSTIZIERI DEL ''SENZA SE...''
A proposito di ufficiali esecrazioni e lanciatori di souvenir. (Vedi anche: "Ferma condanna")
Qualunque azione umana sottoposta a valutazione politica, giuridica o morale, non può prescindere dal contesto... Ma, a quanto pare, un principio così elementare va superato, i “se” e i “ma” vanno estirpati dal vocabolario e con essi il senso comune e la capacità di distinguere. (G. S. 15/12/09)



Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA MEGLIO PASSEGGIATA
DA BLOGGER A DIRIGENTE POLITICO (?).
...alla fine dello straordinario corteo per il centro di Roma, orgogliosi della marea umana cui si è riusciti a dar vita e del suo impatto politico, non solo gli organizzatori, ma anche ciascuno dei partecipanti sa di non poter sfuggire alla domanda che consegue al successo ottenuto: come impedire che l'esperienza del 5 dicembre resti una favolosa passeggiata. (G.S. 06/12/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

ARIA PURA E... CONTAGIOSA
Un anno fa realizzammo su Facebook un gruppo intitolato "Giù le mani dalla Costituzione". Oggi hanno sfilato per Roma molte migliaia di persone per gridare la richiesta di dimissioni di Berlusconi ed anche ripetendo lo slogan "giù le mani dalla Costituzione". Un fiume umano ha invaso Roma fuori dalle organizzazioni dei partiti tradizionali e contro quella "classe dirigente" che da destra a sinistra è responsabile della deriva in cui versa il Paese. Gente pulita, tanti giovani che ritornano alla politica, facce simpatiche. Una massa contagiosa e convincente più di qualunque discorso, anche verso chi crede in Berlusconi per semplice ignoranza. Facce opposte a quelle dei figuri che nell'immagine del gruppo raffigurano la "classe dirigente". A chi è d'accordo chiedo di diffondere la foto del gruppo. Le facce, intese come modo di essere, in questo caso parlano più delle parole... I link su questo blog: "Giù le mani...", Immagine (G.S.: 05/12/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

PECCATORI E FUSTIGATORI
Mercoledì scorso, Antonello Caporale, giornalista di Repubblica, ha intrattenuto un centinaio di persone nella saletta della nuova sede della Einaudi a Salerno, presentando il suo libro "Peccatori - Gli Italiani nei dieci comandamenti". "Questo libro viene consegnato nel vivo di una degradazione civile collettiva, nell’approccio banditesco al confronto, nell’imposizione violenta della verità ufficiale. In uno scontro che scivola senza più alcuna remora verso il randello.
Questo libro è nato invece nello scorso inverno ed è figlio di una suggestione offerta dalla lettura di un articolo del teologo Vito Mancuso sulla religione civile che manca all’Italia."
Questo è il prologo che, per intero, è rintracciabile sul Blog dell'autore... La composta assemblea degli estimatori di Caporale mi ricorda di quando adolescente andavo con mio padre alla messa dei francescani e delle epiche arringhe del frate officiante contro la società corrotta ed egoista... (B.S. 15/11/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

ALCHIMISTA - LENINISTA
Ovvero, MARXISMO ALCHEMICO.
Leggiamo dal giornale dadaista di Sansonetti, L'altro, la seguente dichiarazione del subcomndante Fausto: «Penso che sia necessario, anzi indispensabile che Sinistra e Libertà precipiti verso un soggetto politico che abbia una forza totalmente innovata della politica e che abbia come carattere distintivo la democrazia. Democrazia sempre... Ogni formazione della sinistra oggi dovrebbe considerarsi tale per favorire un big bang da cui costruire davvero il nuovo».
Precipitare, big bang? che raffinato linguista il Bertinotti. Però, più che un marxista, è un alchimista! (B.S. 12/11/09)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

DOVE PASSERANNO LA NOTTATA?
UNA SEMPLICE DOMANDA
Alle 9 del mattino dell'11 novembre imponenti forze di polizia in assetto antisommossa e con l'appoggio di mezzi blindati hanno occupato e sgomberato il "ghetto" di San Nicola Varco. Da una ventina d'anni è stato l'accampamento di un migliaio di nord africani, sfruttati e schiavizzati nella coltivazione dei terreni della Piana del Sele. Le operazioni si sono svolte del tutto pacificamente, senza che alcuno abbia nemmeno pensato di alzare la voce. I pochi rinvenuti nel campo (forse soltanto una cinquantina) sono stati caricati sui pulman  portati in varie caserme. Agli altri è stato concesso di "fuggire" e disperdersi per le campagne.
Per tutta la giornata di oggi gli automobilisti che hanno attraversato la statale 18, tra Eboli e Capaccio, hanno visto decine, forse centinaia di extracumunitari in cammino ai margini della strada , carichi di valigioni e masserizie varie, diretti non si sa dove. A cavallo, tra l'11 e il 12 novembre, mentre cerco di prender sonno nel mio comodo letto, mi pongo una sola, semplice domanda: quegli uomini uguali a me, scacciati dalle loro povere capanne di cartone, dove stanno passando questa nottata? (B.S. 12/11/09)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

OPERAZIONE ALL'ALBA
Fonti attendibili assicurano che stamani all'alba ingenti forze di polizia, carabinieri, guardia di finaza e forse esercito, non meno di 800, circonderanno l'area dell'ex mercato ortofrutticolo di San Nicola Varco, nel comune di Eboli, dove da anni sono accampati un migliaio di nordafricani in fabbricati fatiscenti e baracche di cartone. Un'operazione militare preparata con perizia e discrezione, che, immaginiamo, sarà seguita in diretta dal ministro Maroni, il quale, per l'occasione, si metterà in divisa e si appunterà alcune medaglie sul petto gonfio di orgoglio. Finalmente si porrà fine allo scempio di migliaia di uomini ridotti in schiavitù, costretti a lavorare per 10 ore al giorno nell'inferno delle serre e sui campi della Piana del Sele per 30 euro al giorno. Saranno gentilmente catturati, caricati sui pulman e portati in caserma. Lì staranno ad attenderli il Vescovo e le principali autorità della provincia per festeggiarli e per nominare ciascuno di essi "cavaliere del lavoro" in ragione dell'enorme contributo dato alla ricchezza del Paese, a costo zero.
Purtroppo, molti di questi indefessi lavoratori sono umili e schivi e declineranno l'invito, non facendosi trovare.
Di seguito i link sull'argomento. (G.S. 11/11/09)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

CASO MARRAZZO, UN PUNTO DI VISTA SENZA MORALISMO
CHE COSA VUOL DIRE ESSERE TRANS
L'intervista apparsa su Italia Oggi ad Alessandra Di Sanzo, interprete del film "Mary per sempre", ci sembra inquadri correttamente la vicenda del presidente della Regione Lazio, facendo piazza pulita della tanta ignoranza, ipocrisia e moralismo, anche "di sinistra", che connotano i commenti sul fatto. Rimane, tuttavia, intatta a mio parere la contraddizione degli uomini di potere che "peccano", più o meno allegramente, contro il complesso di valori romano, cattolici e apostolici, che abbracciano e conclamano, per poi violarli, secondo la inveterata prassi delle doppia morale. Segue il link relativo e l'articolo.  (G. S.  - 29/10/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA DOPPIA MORALE DEI TIMORATI DI DIO (e dei ROS)
Sul caso Marrazzo, mi domando se ai tempi dei Romani ci fossero i transessuali (suppongo di sì, dato che i rapporti omosessuali soprattutto tra grandi e adolescenti erano ritenuti un fatto normale, e quale fosse il loro giudizio al riguardo. Penso ai Romani perché, per quanto potessero essere sanguinari e spregiudicati, non erano cattolici... E così i Ros hanno avuto facilmente ragione di tanta  colpevole sprovvedutezza... (B. S. - 26/10/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA GRANDE SALERNO (3)
Incappo sulla Rete nelle graduatorie fatte dal Sole 24 ore sulle 103 province italiane. La graduatoria risale al settembre del 2007. Non è recentissima, ma è il caso di tenerla presente. Salerno è agli ultimi posti (83°), con un arretramento, rispetto all'anno precedente di 4 punti. il link del Sole.  (GS. 21/10/09).


Clicca qui per leggere l'articolo completo

PRETI MARXIANI
L'Osservatore Romano, anticipando un intervento sulla Civiltà Cattolica, pubblica estratti di un saggio su Marx, che viene trattato non come l'anticristo, ma come un tale che ha detto parecchie cose condivisibili...

©L'Osservatore Romano - 21 ottobre 2009
"È in uscita il nuovo numero della rivista quindicinale "La Civiltà Cattolica". Pubblichiamo un ampio estratto di uno degli articoli presentati." Segue articolo. (G.S. 21/10|09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

PECUNIA OLET
SCUDI IMMORALI: LETTERA DI UN DIRETTORE DI BANCA AL VESCOVO E AI PROPRI SUPERIORI.
Se non i banchieri, almeno i bancari hanno un cuore e una "morale". Il direttore di una piccola banca (ma non troppo), che ha la sua sede principale in un paese del Cilento, scrive ai suoi "capi" ed anche al vescovo della Diocesi. Il suo ragionamento è semplice: Il così detto "scudo fiscale" è una immonda porcheria ( ma il nostro direttore usa termini più adeguati alla bisogna), poiché non è altro che un "regalo a persone che si fanno apprezzare per la dubbia provenienza delle loro risorse monetarie" ed anche per "riaffermare il principio che l'utilizzo del risparmio e del credito abbia una valenza soprattutto etica e sociale". Siamo curiosi di conoscere le risposte, a cominciare da quella del Vescovo. Segue la lettera del direttore. (G.S., SA - 13/10/09).
Clicca qui per leggere l'articolo completo

OGGI HO VISTO NEL CORTEO TANTE FACCE SORRIDENTI

Tante facce di giovani e giovanissimi, mischiate a quelle dei coetanei dei padri o nonni o fratelli maggiori. Un grande potenziale di lotta contraddetto da una classe dirigente inetta e incompetente, da giornalisti in cerca di padroni, da "onorevoli" del PD che fanno passare lo "scudo" a Camera e Senato perché hanno i cazzi loro da sbrigare.
Speriamo, almeno, che gli organizzatori della manifestazione capiscano che tutta questa gente non è venuta a Roma per salvare la libertà di espressione di Carlo de Benedetti o di quella dell'esercito opaco e trasversale dei colleghi di Bruno Vespa. Le Foto. (G.S. 04/05/09)



Clicca qui per leggere l'articolo completo

(SALERNO-COMO) - PER SIMILITUDINE BENEAUGURANTE
ANBeneagurante la notizia fresca di rete che Stefano Bruni sindaco di Como, alluvionato e sommerso dalle reazioni concittadine, abbia sonoramente cambiato idea e intenda mai più realizzare lo scempio del muro.
     ...
    Ora è pur vero che qui sul golfo lunato noi non abbiamo nessun George Clooney ospite, e nemmanco giornale locale che raccolga firme... ma pure noi terruncielli godremmo digià di immanente  spiritus loci (anche se quest'ultimo magari immeritato, mentre certo ci meritiamo quest'attuale nuovo arrivato, da Ruvo del Monte). (Panormo, 28/09/09)
Clicca qui per leggere l'articolo completo

PERVERSO IMBARBARIMENTO...
Riproduco di seguito l'intervento delle psicoanalista Quirino Zangrilli, ripreso da Scienza e Psicoanalisi. La sua tesi ( per altro condivisa da persone della più disparata estrazione sociale e culturale) è che "...in quest’epoca storica la maggioranza degli italiani è purtroppo costituita da delinquenti. Esiste uno zoccolo duro di autentici delinquenti, strutture di personalità che sarebbero tali in qualsiasi sistema sociale ed in qualsiasi congiuntura storica...". La speranza dello studioso è che si formi una sorta di  "partito degli onesti", capace di invertire la pericolosa deriva intrapresa... (SA - 25/09/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

LIBERTA' DI STAMPA
Partecipo alla manifestazione del 19 con riserva.
Infatti, è difficile battersi per la libertà di espressione del Corriere della sera o di Repubblica o della Stampa per i motivi che qualunque persona bene informata conosce e intuisce. E, a parte tutte le argomentazioni che riguardano i cosiddetti "editori impuri", per me è imbarazzante il solo pensiero di dover correre in soccorso delle presunte libertà compresse di Carlo De Benedetti o di quelle della famiglia Agnelli. Non meno imbarazzante è dover manifestare per la salvaguardia della libertà di espressione della stragrande maggioranza del giornalismo italico, che com'è noto preferisce essere ben pagato, piuttosto che "liberato".
(B.S. 16/09/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

Via Giudaica e la demolizione.
panormo      Il "Capoccione" imbracciò il piccone e menò la prima picconata, a favore della telecamera dell'EIAR. Il cornicione, opportunamente indebolito già prima della cerimonia dai manovali napoletani e veneti , andò in frantumi alla seconda plastica picconata. La sequenza fu poi diffusa nel bianco-nero dei cinegiornali: si apriva la nuova Via dell'Impero, si buttava giù tutta la tara del vecchiume, tutta la miseria che ci affliggeva, tutta la mortificazione del presente. Ci attendeva un nuovo meraviglioso futuro finalmente certamente migliore.(SA - Panormo - 20/08/09).
Clicca qui per leggere l'articolo completo

LE VERE CAUSE DELLA MORTE DI MIKE BONGIORNO
Stamattina Rai 3 ha mandato in onda il film di Pietro Germi "Il cammino della speranza". Mike Bongiorno, dalla sua residenza di Montecarlo, l'ha visto ed morto di li a poco, travolto da un insostenibile senso di colpa, consapevole degli incalcolabili  danni prodotti dalla sua Tv commerciale... . Di seguito il link di un intervista a M. Bongiono condotta da Alain Elkan, un'altra condatta da Luca Telese e un estratto da Fenomenologia di Mike Bongiorno  di Umberto Eco. (SA - Angkor -08-25/09/09).


Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA METAMORFOSI DELLE PORCHERIE
Una tecnica del potere applicata ai mass media è quella di magnificare le porcherie, con convinzione, impegno e strenua ripetitività. Non è solo il caso dei berluscones del più alto rango istituzionale, dove ritroviamo ministri della Repubblica che definiscono i propri mostri legislativi delle "porcate", per poi difenderle e brandirle con disinvolta, furbesca nonchalance. Nel piccolo delle città di provincia ci ritroviamo con il duce locale - di turno - che propone e propaganda per televisioni e università cose improponibili e indifendibili, come il Crescent, o come un progetto di alloggi ammassati in due ghetti, definiti "quartieri europei". Che poi si tratti di opere messe da parte dopo essere state promesse e propagandate o che restino a metà, poco importa. Il popolo è bue e di memoria corta... Di seguito un intervento di Fausto Martino sulle ultime novità urbanistiche salernitane (02/07/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

EPILOGO CRAXIANO
In una sola giornata il presidente del consiglio ha dovuto sorbirsi rumorose contestazioni prima a Napoli e poi a Viareggio. In ambedue i casi vestiva gli abiti del salvatore della patria, ovvero, come lui ha dichiarato prima di arrivare nella città della Riviera, di quello che "va a mettere le cose a posto". A differenza dei fischi che si beccava Prodi dai giovanotti di AN che lo aspettavano organizzati ovunque si presentasse, è evidente che le grida di protesta indirizzate al cavaliere, specialmente nel caso di Viareggio, avevano ben altra consistenza emotiva e politica. In sostanza una parte della popolazione gli ha gridato la propria disapprovazione e disgusto per la strumentalizzazione delle tragedie e della morte nelle quali si tuffa a pesce per la frenesia di recitare la parte del Grande Capomastro e di esibirsi in comparsate mediatiche sempre più imbarazzanti. Da Eluana Englaro all'Aquila, a Viareggio, le impalcature di cartapesta dell'indegno "truman show" messo in scena cominciano a cedere. Ovviamente, non siamo ancora all'epilogo, ma la strada sembra quella giusta. (Ankor - 02-07-09)
Clicca qui per leggere l'articolo completo

GLI AYATOLLAH DEL COMUNISMO
Il segretario di Rifondazione indice una manifestazione di protesta davanti all'ambasciata iraniana a Roma, su Facebook scoppia una discussione "tra comunisti" molto sintomatica (demenziale). Discussione tra politici troppo fini, bravi a spaccare il capello e, puntualmente, a non concludere nulla, avendo passato tutto il tempo a discutere.... (G.S. - 21/06/09)

Clicca qui per leggere l'articolo completo

LA SINISTRA DEI RITARDATI
Non c'è scampo: guardi nelle file dei tuoi compagni, anzi dei tuoi riferimenti politici e non puoi fare a meno di trasecolare e quindi incazzarti e protestare. Almeno questo. Si spara sulla Croce Rossa?  E' sgradevole, ripetitivo, ma pure insufficiente. Sono alcuni giorni che in Iran c'è una mezza rivoluzione, migliaia di persone invadono le strade, sfidano il fuoco dei militari, perdono la vita. I riferimenti della così detta sinistra radicale, tacciono. Evidentemente, essendo privi di una "visione" della realtà ed avendo perso il senso "della propria funzione", come giustamente dice Paolo Ferrero in un suo recente documento, ritengono che la lotta sanguinosa per la libertà sia una questione secondaria. Se non ha luogo sotto la propria finestra. E infatti, il quotidiano Liberazione in questi giorni è zeppo di lunghissimi interventi su di una questione di estrema attualità: la valutazione sull'operato di Stalin. Il dibattito è fluviale, indietro di una quarantina d'anni, a tratti demenziale. Gli ex agiografi di Vladimir Luxuria sono scatenati, i nostalgici del PC duro e puro non sono da meno. I migliori militanti della sinistra radicale sono impegnati a scriversi lunghissime lettere di distinguo e di improperi, con al centro l'interpretazione della figura di Stalin. Ma è possibile? La categoria della "medicalizzazione" del dissenso politico è pericolosa - oltre che di staliniana memoria -, ma qui veramente sembra di stare al manicomio. Perché non vanno dallo psicanalista e abbandonano per un pò la politica? Ne trarremmo tutti giovamento. (G.S. - 21/06/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

SEGNI DEI TEMPI (meridionali)
Ore 14,45, semaforo e discesa di via dei Principati, centro di Salerno. Aspettiamo il verde per i pedoni, io e Flaminio di ritorno dal Brigante, sazi e rincoglioniti dall'afa. Sulla nostra destra una signora bionda. Ci voltiamo tutti e tre al fracasso di una moto che scende a scavezzacollo. Una motard Yamaha. Poco prima del semaforo, il centauro accelera ancor più rabbiosamente e impenna. Percorre in mono ruota tutta la discesa (sì, in mono ruota, in discesa, in pieno centro e a 80 all'ora) fino all'incrocio di corso Garibaldi. Guardiamo attoniti. La signora esclama, confusa: "Ma è una donna!". Io e Flaminio, senza alcun dubbio, assentiamo: E' una donna! (G.S. 12-18/06/09).

Clicca qui per leggere l'articolo completo

FASCISTI PER FASCISTI MEGLIO GLI ORIGINALI CHE QUELLI "DI SINISTRA"
"...Qualche altro fine politico ribatterà che De Luca è bravo perché è stato capace di raccogliere il consenso – anche quello moderato – attorno alla sinistra, che la politica si fa così, che solo così si conquista il governo ecc. ecc. Ebbene queste considerazioni le lascio a loro, io resto del parere che “il fine non giustifica i mezzi”, che in nome del governo non si può rinunciare ai valori democratici più elementari. Se Salerno è una città “fascista”  che siano loro a governarla, non dobbiamo essere noi a diventare “fascisti”,  seguaci di un ducetto di provincia  in cambio della “soddisfazione” di segnare con la bandierina …”rossa” (magari..!) Salerno sulla mappa di Bruno Vespa." Una parte del commento dello stesso "anonimo di sinistra" che ha proposto di votare per la destra, commento che compare in fondo agli interventi che precedono e che tuttavia riteniamo di mettere in evidenza per la sua chiarezza e completezza. (SA - 10/06/09).
Postilla:  SAREBBE OPPORTUNO - e le regole della rete lo esigerebbero - CHE  TUTTI COLORO CHE COMMENTANO SI FIRMASSERO ALMENO CON UNO PSEUDONIMO O "NOME DI BATTAGLIA", COME WIKIPEDIA TRADUCE L'ESPRESSIONE "NICKNAME". COSI' SI CAPISCE SE SI PARLA CON TIZIO O CON CAIO (G.S.)
Clicca qui per leggere l'articolo completo

587 articoli - in 20 pagine - 30 articoli per pagina

Attualmente sei nella pagina

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 -  10  - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Notizie ©
 

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Giampiero D'Amato. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.11 Secondi