Benvenuto su www.dilontano.it
  Crea un account Home Argomenti Downloads Il tuo Profilo Scrivi articolo Email  
MENU
 Menu :
 Home
 Scrivi Articolo
 AvantGo
 Cerca
 Argomenti :
 Lista Utenti
 Politica
 Televisione
 Interviste
 Documenti
 Cinema
 Spettacolo
 Immagini
 Community :
 Feedback
 Passaparola
 Forums
 
 Web Links
 
 Statistiche :
 Statistiche Sito
 Top 10
 Documenti :
 Contenuti
 FAQ
 Recensioni
 Enciclopedia

 Che ora è? :
11:34:23
Data : 29-05-2017

Vecchi Articoli
Giovedì, 03 marzo
· FRAMMENTI DI STORIA
Domenica, 28 febbraio
· PRIORITÀ
Mercoledì, 24 febbraio
· ECO E JOBS
Mercoledì, 17 febbraio
· QUELLO CHE I 'SINISTRATI' NON SANNO E NON VOGLIONO SAPERE
Sabato, 13 febbraio
· SPIRITO SANTO.
Domenica, 07 febbraio
· LA PELLE DURA DELLO SCERIFFO.
· QUADRETTI
Sabato, 06 febbraio
· 'Un bel dì vedremo'
Mercoledì, 27 gennaio
· DALLO STATO SOCIALE CAPITALISTICO ALLO STATO DEL CAPITALE
Martedì, 12 gennaio
· IL PRONIPOTE PERVERSO DELLO ZIO TOM
Domenica, 08 novembre
· E' SOLO QUESTIONE DI NASO
Mercoledì, 21 ottobre
· FORMAZIONI PREDARTORIE E CAPITALISMO FONDATO SULL'ESCLUSIONE
Lunedì, 07 settembre
· LA RESA DEI CONTI CON LA STORIA
Giovedì, 13 agosto
· L'AMORE AL TEMPO DELLE BANCHE
Lunedì, 20 luglio
· LA ROVINA DELL'EURO
Lunedì, 06 luglio
· E' SOLO L'INIZIO.
Giovedì, 02 luglio
· IL PIEDE SUL COLLO DEI PIGS
Martedì, 30 giugno
· FORSE SI CHIAMA COLONIALISMO
Lunedì, 29 giugno
· SONO SOLO AFFARI
Lunedì, 15 giugno
· OBAMA, COME O PEGGIO DI BUSH
Martedì, 02 giugno
· IL MIO VOTO VALE (SOLO) UNO.
Lunedì, 18 maggio
· LA SATIRA AI TEMPI DEL MAINSTREAM
Domenica, 03 maggio
· IL DUCETTO FIGLIO DI UFO ROBOT
Sabato, 07 marzo
· REGIONALI DELLA CAMPANIA - PARTITE DOPPIE, TRIPLE...
Giovedì, 19 febbraio
· CREARE IL CAOS PER RIDEFINIRE I CONFINI.
Lunedì, 09 febbraio
· HAIDEGGER: IL QUARTO REICH
Sabato, 07 febbraio
· LA PARABOLA GRECA
Martedì, 03 febbraio
· INSEDIAMENTI PRESIDENZIALI
Sabato, 31 gennaio
· LA SICILIA E I MATTARELLA
· DALLA D.C. ALLA D.C.
Venerdì, 23 gennaio
· LO STRANO CASO DEL DOTT. DE LUCA E DI MISTER VICIENZ'
Giovedì, 15 gennaio
· NANI SENZA BALLERINE
Martedì, 13 gennaio
· JE SUI MAIGRET
Lunedì, 12 gennaio
· LA LIBERTA' DI PENSIERO (SENZA PENSIERO)
Domenica, 11 gennaio
· CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO
Sabato, 20 dicembre
· MOBILI OROPALLO
· SALGADO/WENDERS
Mercoledì, 26 novembre
· TALK SHOW (2)
Martedì, 11 novembre
· QUANDO LE DONNE SONO PEGGIO DEI MASCHI
Domenica, 26 ottobre
· VIVA VERDI - ABBASSO I TALK SHOW
Venerdì, 15 agosto
· DESTRA E SINISTRA, UNA 'VIA MAESTRA' DI BASSO PROFILO.
Martedì, 12 agosto
· FREUD SULLO STATO ISRAELIANO IN PALESTINA
Lunedì, 04 agosto
· LA NORMALITA' DI ISRAELE
Venerdì, 25 luglio
· BERNPENSANTI E MACELLAI
Mercoledì, 16 luglio
· IL CARATTERE DEI ROMANI
Giovedì, 10 luglio
· IL PRELIMINARE PER UNA FUTURA SINISTRA
· György Lukács - Seconda parte.
Martedì, 08 luglio
· Lukács: Lo scrittore e il critico.
Venerdì, 13 giugno
· DIMMI CON CHI VADO E TI DIRO' CHI SEI
Martedì, 27 maggio
· UNA BALENA IMMAGINARIA

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno i servizi offerti.

DI LONTANO

...Pensò anche di non aver fatto soltanto una passeggiata, e che anzi bisogna guardare ogni tanto il proprio mondo da un'altra prospettiva. Dall'alto, di lontano, per scoprire ciò che non si vede standoci dentro.
Leggi tutto...

Cerca




NON SONO PIU' TEMPI DA DUCHI D'ORLE'ANS
Della serie: si stava meglio quando si stava peggio. Agli albori del capitalismo, i banchieri (che già c'erano da un pezzo), almeno affidavano il governo a un 'Duca d'Orléans', giammai a un loro ex commis...
"Dopo la rivoluzione di luglio il banchiere liberale Laffitte, accompagnando il suo compare, il duca di Orléans, in trionfo all'Hôtel de Ville [1], lasciava cadere queste parole: "D'ora innanzi regneranno i banchieri". 
Marx: Le lotte di classe in Francia dal 1848 al 1850.
SA - 04/05/2017.

(Leggi Tutto... )

IL PIACERE DI CHIAMARSI GIANCARLO
Mi trovo con un gruppo di architetti appena presentati da un amico, anch'egli architetto.
Si scherza di politica, l'amico dà del reazionario al suo collega, che lo rimprovera con fare serioso: "reazionario a me ? Tu non sai perché mi chiamo Giancarlo..."
"Perché?"
"Negli anni '50, nel minuscolo comune di Centola, mio nonno era l'unico comunista. E infatti, alle elezioni il partito comunista prese UN voto! Trascorso un mesetto da quelle elezioni fu visto mio nonno sventolare trionfante un pezzo di carta. Era una lettera arrivata da Roma, dalla direzione del PCI. Si complimentavano con lui per il fatto di essere con umiltà e fierezza l'unico comunista del piccolo paese, riconosciuto e stimato. Il pezzo di carta era firmato da Giancarlo Paietta. Io nacqui poco dopo, e decisero di chiamarmi Giancarlo..."
Sa- 12/04/2017.

(Leggi Tutto... )

EUROPA INCOSTITUZIONALE
Rino Formica: «Sì. La prima parte della Costituzione definisce il modello sociale del nostro Paese. Si parla di lavoro. Non di mercato, concorrenza, profitto. Quindi la domanda conseguente e logica è: sono in grado i governanti di rispettare i vincoli imposti dall' Europa senza entrare in conflitto con la carta costituzionale? Evidentemente no».( Da Dagospia )
SA-28/03/2017

(Leggi Tutto... )

FAMILISMO GLANOUR
Stasera la compagna  di Alfredo D'Attorre è stata ospite della trasmissione di Lilli Gruber, dando sfoggio di parlantina inesauribile e di pensiero renziano sovrabbondante. Tant'è, che ad un certo punto non si capiva più chi conducesse la trasmissione. Su Google ho scoperto che è stata protagonista di un battage pubblicitario martellante su di un tema decisivo: 'separata in casa' col 'secchione' D'Attorre. In disaccordo col compagno, ha votato sì al referendum ed è fans di Renzi ("È il leader migliore, anzi l’unico che c’è"). La ragazza è fotogenica e sa gestire la propria immagine. Che dica cose banali, insignificanti o colossali sciocchezze, sapendole dire, è garanzia di sicura carriera. 
Se gli va male, D'Attorre avrà sempre la moglie che nel frattempo sarà diventata senatrice del PD, o anche ministro.
SA- 21/03/2017.

(Leggi Tutto... )

ANTIFASCISMO MILITANTE. MA DOV'È IL FASCISMO ?
Leggo in giro che la manifestazione di Napoli contro Salvini è salutata da molti come un evento simbolico di lotta meridionale contro il razzismo e le forme di nuovo fascismo impersonate dalla Lega.
Una bella manifestazione napoletana, numerosa e vivace contro un provocatore come Salvini non può che essere un'ottima cosa. Anche se finita in disordini, eventualmente gestiti secondo i canoni cossighiani: botte da orbi e infiltrati.
È però fuorviante trasferire l'avvenimento al contesto meridionale, e magari rispolverare l'antifascismo militante. Napoli non è il Mezzoggiorno, che in una situazione di minore crisi economica e di minore disgregazione sociale ha votato in massa anche Lega, votando Berlusconi. Questi 'abbagli di sinistra' sono il frutto di una profonda inconsapevolezza delle cause di una crisi sociale ed economica senza precedenti per lunghezza e profondità. I pericoli di fascismo verranno anche da Salvini, ma la vera  origine del rischio autorirario è nellla crisi economica che mina le fondamenta della coesione sociale e della democrazia (e che attacca frontalmente la Costituzione) determinata e gestita senza controllo dalle oligarchie finanziarie che governano l'Europa. Rispetto ad esse la 'sinistra' continua a balbettare.

(Leggi Tutto... )

''Siate ancora più napoletani di quanto siate mai stati''
Che impressione le fanno i cumuli di monnezza che stanno imbrattando di nuovo la «sua» Napoli?
«Una grande dolore. Ma trovo ancora peggiore la frase di Bertolaso per il quale ”l’eruzione del Vesuvio non sarebbe una tragedia”. Ha mostrato il disprezzo del bravo leghista e la suprema inciviltà del capo della Protezione civile. Vogliono neronizzare Napoli e tutta la Campania con la monnezza. Odiano Napoli per la sua trimillenaria intelligenza, per la sua civiltà. Così la sfruttano, come l’hanno sfruttata in questi 150 anni di Unità».
Trovo questa intervista a Jean-Noel Schifano, scrittore francese e cittadino onorario di Naphe, risalente al 2010, breve, essenziale, illuminante su come vedere Napoli. In poche parole fa giustizia della 'napoletanità' alla Renzo Arbore, o di quella senza sbocchi della nostalgia borbonica. Ed anche dell'ideologia 'identitaria', in cui ognuno mette quello che più gli conviene. Napoli, con la sua storia "trimillenaria" ha infinite identità.
Segue il teso, recuprato qui.
SA - 01/03/2017.

(Leggi Tutto... )

LO STATO DELLE COSE
Enzo Iacchetti parla di Berlusconi:
"Una sera, prima che entrasse in politica, mi si avvicinò a una festa palpandomi le tasche: "Perché fa così?", "Per vedere se hai nascosto qualche bambino da mangiare, non sei comunista tu?". Emilio Fede, sempre pronto a ungerlo e a leccargli il culo, gli disse: "È vero, lui è un comunista" e Berlusconi lo zittì: "Se tu mi avessi portato i soldi che mi ha portato il comunista, l'azienda andrebbe meglio".
(Dal Fatto quotidiano di oggi 27/02/2017.

(Leggi Tutto... )

ANALFABETISMO POLITICO
Repubblica mette in linea il contratto originale (e leggibile) stipulato tra la Casaleggio e i candidati al consiglio comunale di Roma.
Letto velocemente (sento musica e aborro ciò che mi ricorda il lavoro) non è il mostro giuridico che il mainstream si accinge a descrivere. Contiene vincoli di carattere etico, abbastanza plausibili con richiamo alla Costituzione. Vi è anche un applicazione un po' striminzita del 'recall': come arginare il fenomeno del cambiamento di casacca senza violare il principio della libertà di coscienza dell'eletto. 
Anche l'obbligo di consultare il gruppo dirigente del movimento per 'l'alta amministrazione' non è vincolante sulle scelte conseguenti.
Poi sulle 'sanzioni' (vere e proprie stronzate da analfabetismo politico), casca l'asino, con evidenti rischi di illegittimità, e persino di ineleggibilità dei componenti il consiglio: al punto 9) sub 'b' Grillo e Casaleggio ("o gli iscritti...mediante consultazione on line") possono imporre le dimissioni di sindaco e consiglieri. Peggio ancora, chi sgarra dovrebbe risarcire un presunto danno di immagine per un importo di 150.000 €. Ovviamente, il danno, la sanzione e la procedura è tutto apparecchiato in via preventiva. Un po' da ridere.
Mi domando: alla sindaca di Torino, promettente figliola di un maggiorente di Confindustria, lo hanno presentato un contratto del genere? Suppongo di no, poiché la Appendino lo avrebbe sbattuto in faccia a chi glielo avesse proposto...
SA - 17/12/2016.

(Leggi Tutto... )

L'ESTETICA Ė LA MADRE DELL'ETICA
"La letteratura non serve a salvare il mondo. Ma è il più formidabile «acceleratore della coscienza, del pensiero, della comprensione dell’universo». Da qui la sua capacità di guidarci, con mano invisibile, fra tutti i dilemmi più subdoli. «Il punto non è tanto che la virtù non costituisce una garanzia per la creazione di un capolavoro: è che il male, e specialmente il male politico, è sempre un cattivo stilista» (Iosif Brodskij).
15/12/2016.


(Leggi Tutto... )

DOPO L'EURO, OLTRE KEYNES
"Con la scomparsa del socialismo reale e il transito verso il neoliberismo di gran parte del movimento socialdemocratico (incluso i DS-PD) la sinistra ha smesso di cercare una alternativa di lungo periodo al capitalismo, o anche di medio-termine attraverso un compromesso social-democratico."
Un'intervista all'economista Sergio Cesaratto ripresa da 'Sollevazione', molto utile.
SA-13/12/2016.
T

(Leggi Tutto... )

AMICI VICINI E LONTANI
Pensierino (cattivo) della notte.
C'è poco da fare: l'indole esce nei momenti critici. Potrei fare l'elenco di conoscenti e amici (anche cari) di età simile alla mia che, a metà degli anni '70, quando i sogni di rivoluzioni erano infranti, si rifugiarono nel PCI. Chi quatto quatto, chi, invece, platealmente, come nel caso di Michele Santoro, il quale passò da dirigente di un suo personale 'gruppo rivoluzionario' a dirigente del PCI, da sera a mattina...
Eppure, solo il giorno prima, il PCI era stato per molti dei convertiti un "bieco arnese della borghesia".
Sarà un caso, ma quasi tutti i miei conoscenti e amici, vicini e lontani, che lestamente si ricoverarono tra le capienti braccia del Partito, adesso sorridono a Renzi, il quale, per la verità, raffrontato a Berlinguer, il leader della sinistra di allora, indurrebbe al vomito chiunque abbia modo di ricordare...
G.S.- Sa.03/12/2016.

(Leggi Tutto... )

ASINI FAMOSI...
Asini famosi parlano di Castro come di un feroce dittatore (ma anche dei palestinesi che opprimono Israele...). Come se Cuba fosse stata la Svizzera del Caribe e Castro l'avesse precipitata nella miseria e nella dittatura. Poco lontano da Cuba gli squadroni della morte sparavano vescovi che dicevano messa e devastavano l'America Latina uccidendo e derubando milioni di persone. Gli Usa, per mantenere il controllo sulle risorse sudamericane, hanno investito milioni di dollari, fomentando guerre civili, assassini e colpi di stato.
Un somaro come Saviano, scrittore monotematico, che fa soldi sui guai di Napoli, spacciando la 'sua' industria culturale per cultura, legge la storia, forse, dallo studio del suo commercialista...
Nando dalla Chiesa, che tutto è meno che un castrista, spiega cose elementari, e legge la storia guardando il mondo anche con gli occhi di chi vive un realtà 'diversa' dalla sua.
Cose che anche i somari, con un po' di buona volontà, potrebbero capire e fare...
(con tutta la simpatia per gli asini veri, i quadrupedi).
Segue articolo di Nando Dalla Chiesa su Cuba.
G. S. - SA- 28/11/2016.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/13/%E2%80%9Cquesto-a-cuba-non-e-possibile%E2%80%9D/324691/

(Leggi Tutto... )

TALK SHOW
Una delle cose più penose e odiose di questi talk show è assistere alla solita, ripetitiva rappresentazione della rabbia, della frustrazione o addirittura della disperazione di persone ridotte in miseria che raccontano la propria condizione ad un salotto di maggiorenti che, dall'alto dei loro redditi, ascoltano compassionevoli, per poi sentirli dire che purtroppo c'è una crisi di sistema.
SA - 24/11/2014.

(Leggi Tutto... )

CATTIVI MAESTRI
Vedo in TV (su Rai 5) uno strafatto Joe Cocker, smilzo, che trascina un pubblico in delirio. Concerti epici degli anni '70; ritmo irresistibile, masse felici di giovani straccioni; bastava una buona amplificazione e qualche riflettore per far cose oggi inconcepibili. Due secondi prima ho letto un pezzo di Diego Fusaro che difende il sindaco di Roma, tirando fuori una frase del povero Gramsci, per appiccicarla alla litania dei 'poteri forti'. Fusaro, il giovane più vecchio del XXI secolo, con un lessico ottocentesco ed una cognizione politica da scuola elementare.
Purtroppo, gli ultra sessantenni che ascoltavano Joe Cocker si sono rincoglioniti, ed hanno (rincoglionendosi) dimenticato la libertà mentale e culturale che essi stessi hanno interpretato da giovani. I 'giovani' odierni sono nei guai se per maestri hanno i Fusaro o i Beppe Grillo. Meglio Joe Cocker e ... Gramsci, che, magari, avrebbero ugualmente tifato per la Raggi (almeno per ora), ma anche per Joe Cocker
Salerno, 07/09/2016.

(Leggi Tutto... )

IL PIÙ ITALIANO DEI TEDESCHI
Dal Sole 24 ore del 14 agosto 2016.
"Nato a Berlino nel 1892, Rohlfs aveva scoperto nei campi di prigionia della prima guerra mondiale la passione per le lingue e i dialetti dell’Europa neolatina, e dell’Italia in particolare. Laureatosi (tardi) in filologia romanza nella sua città natale, Rohlfs era successivamente entrato in contatto con i coordinatori zurighesi (Karl Jaberg e Jakob Jud) dell’Atlante linguistico italo-svizzero: una capillare campagna di raccolta sul campo di materiali relativi ai dialetti italiani, dal Ticino al canale di Sicilia, per la quale Rohlfs si era occupato in particolare del Mezzogiorno estremo. "
28/08/2016


(Leggi Tutto... )

SERVI E PADRONI
Servi e padroni.
I giornalisti epurarti dalla Rai non mi suscitano  particolari emozioni per diversi motivi:
1) non vengono mandati in Siberia, rimangono con stipendi stellari ( da 200.000 a qualche milione all'anno) e spesso vengono promossi;
2) Normalmente vengono rimossi perché non dicono le cazzate che pretende l'ultimo dittatorello arrivato al potere; ma di cazzate (e/o omissioni) ne hanno dette e fatte a iosa, altrimenti non avrebbero occupato (magari per anni, come nel caso della Berliguer) il posto dal quale sono stati licenziati. Per la verità, la principale occupazione dei direttori di tastata, credo, non sia quella di dire cazzate, bensì di fare un lavoro più sottile e penetrante: scegliere le notizie da far passare, i tempi e i modi, gli uomini fidati che devono confezionare il tutto...;
3) La loro beatificazione dopo la caduta è per lo più un pessimo esercizio di ipocrisia nel quale non è da meno, tra gli altri, Marco Travaglio, che adesso trasforma in vittime della repressione renziana giornalisti come Giannini e la Berlinguer, storicamente allineati e coperti sotto le ali protettive dei D'Alema, dei Bersani, dei De Benedetti;
4) Esistono storie infinite di giornalisti non famosi, non direttori di testate nazionali, non gratificati dalla notorietà di massa, mobizzati, mortificati e mal pagati, di cui nessuno parla.

In definitiva, se il sistema è quello consolidato (e accettato con sommo gaudio se a proprio vantaggio), secondo cui ogni padrone si sceglie il 'suo' giornalista, inutile lamentarsi quando il padrone decide di cambiare cavallo.
In Italia, con responsabili della cosa pubblica del livello di Renzi, si toccano vette del ridicolo altrove irraggiungibili. Tuttavia, le regole mondiali del mainstream informativo sono quelle, e i padroni non sono i giornalisti.

(Leggi Tutto... )

ADORNO, DA RILEGGERE SEMPRE...
RILEGGERE ADORNO.
Da Doppiozero un articolo su Adorno di Matteo Marchesini molto utile e interessante.
"...Questo è infatti il paradosso di ogni legge, morale o positiva: anche quando ha un alto contenuto etico, è la sua stessa natura astratta che, se da un lato arresta sul momento la violenza bruta, dall'altro induce al rimando sine die di ogni solidarietà immediata con il prossimo. Portata alle estreme conseguenze, una tale razionalità torna a farsi Mito, si risolve in sadismo: e la conquista in apparenza più alta dell'Occidente civile ritrasforma allora la Società in Natura. Così la Dialettica dell’illuminismo, stesa da Horkheimer e Adorno alla fine della guerra, descrive la strada che conduce dall'età dei lumi alla barbarie nazista."
Segue l'articolo per intero.
SA - 07/08/2016.


(Leggi Tutto... )

LA BAMBINA DI HIROSHIMA
Il 6 agosto 1945, alle 8.15 ora locale, il bombardiere USA Enola Gay sganciò su Hiroshima la bomba "Little boy"...
Nazim Hikmet
LA BAMBINA DI HIROSHIMA
“Apritemi sono io…
busso alla porta di tutte le scale
ma nessuno mi vede 
perché i bambini morti nessuno riesce a vederli.

Sono di Hiroshima e là sono morta
tanti anni fa. Tanti anni passeranno.

Ne avevo sette, allora:

anche adesso ne ho sette perché i bambini morti non 
diventano grandi.

Avevo dei lucidi capelli, il fuoco li ha strinati,
avevo dei begli occhi limpidi, il fuoco li ha fatti di vetro.

Un pugno di cenere, quella sono io
poi il vento ha disperso anche la cenere.

Apritemi; vi prego non per me
perché a me non occorre né il pane né il riso:
non chiedo neanche lo zucchero, io:
a un bambino bruciato come una foglia secca non serve.

Per piacere mettete una firma,
per favore, uomini di tutta la terra
firmate, vi prego, perché il fuoco non bruci i bambini
e possano sempre mangiare lo zucchero.”

(Leggi Tutto... )

DONNA BIANCA SE NE VA E NULLA CAMBIERÀ...
"...Bianca Berlinguer, il settennato di guida al tg3 se l'è guadagnato tutto, ovviamente dal punto di vista di chi l'ha messa in quel posto. Non è un Robert Fisk in gonnella: al contrario, è stata una capace funzionaria di partito, fedele all'Euro e alla NATO, alla Magistratura e al Vaticano, ma, ahi lei, antipatica a Renzi."
Segue intero.
G.S. - SA - 06/08/2016.


(Leggi Tutto... )

MILLE MODI DI PERDERE TEMPO
"Al Csm c'è un potere immenso, se potevo rimanere lì me ne fottevo di perdere tempo a fare il deputato"... (Onorevole Domenico Marotta, UDC).
SA - 05/07/2016.

(Leggi Tutto... )

CONDOTTIERI INATTENDIBILI
Amministrative 19 giugno 2016 - ore 21,00...
Vedo che dove dovevano essere combattute le battaglie più epiche l'affluenza ristagna. Forse un numero 'eccessivo' di napoletani non vede De Magistris come il massimo cui si poteva aspirare, e lo stesso i romani per la Raggi. Eppure il PD si è impegnato allo stremo per dare di sé un'immagine, direi, da cloaca: a Napoli appoggiando l'ex sodale di De Luca (candidato di F.I.) nelle avventure palazzinare salernitane e a Roma denunciando la Raggi per due incarichi professionali avuti da una Asl. Da quale pulpito...
La mia teoria, del tutto personale e ascentifica, è che i poveri elettori, vedendo questa ressa di candidati, tutti, indistintamente, contenti, felici e determinati, molti dei quali condannati o indagati, in corsa festosa per il governo di città disastrate e ingovernabili, vengano assaliti da qualche dubbio...
SA - 19/06/2016

(Leggi Tutto... )

INEDITO KEINESIANO
Surrealismo clientelare o critica alla meritocrazia ?
Prendo da Facebook un estratto da un libro di Cirino Pomicino.
E aggiungo: surrealismo a parte, il debito pubblico è cresciuto man mano dopo queste 'intemperanze' della prima repubblica, e continua a crescere, nonostante i tagli feroci imposti...'dall'Europa'. E' probabile, seguendo le tesi di una porzione crescente di economisti, che Pomicino debba essere rivalutato, non fosse altro che per il fatto che l'Euro ha fatto molti più danni di quanti ne abbia fatti lui. 
«Ci trovammo in una situazione grottesca. Eravamo al cimitero di Secondigliano, tutti noi della giuria schierati, e decine di giovani che ci sfilavano davanti per dimostrare com'erano bravi a scavare fosse o a portare bare. Ma chi è il miglior portatore di bare? Quello che procede con più eleganza, come Marylin Monroe? Il più disinvolto? Il più contrito? Scegliere era impossibile. E così decisi di risolvere la situazione alla mia maniera: allargai le maglie del concorso. Assunsi tutti e trecento i candidati. I lavoratori del cimitero sono stati per vent'anni miei elettori fedeli. A chi mi accusa di clientelismo vorrei chiedere: è possibile far funzionare i cimiteri senza becchini
Salerno, 15/06/2016.

(Leggi Tutto... )

GLI STRACCIONI DI OLIVIERO
Straccioni si nasce o si diventa ? La disinformazione come metodo.
Oliviero Bea, uno dei tanti specialisti del "chiagnere e fottere" dell'Italia mediatica, ha dedicato quasi un terzo dell'orazione funebre  in onore di Giorgio Albertazzi al fatto che, in occasione della dipartita del Maestro, sia uscita fuori la sua adesione alla Repubblica Sociale di Salò. Quelli che l'hanno sollevata sarebbero, a suo dire, degli "straccioni".
Se Oliviero Bea fosse ancora un giornalista, e cioè uno che racconta ciò che vede e ciò che sa al pubblico, piuttosto che raccontare quel che 'si deve', probabilmente ci risparmierebbe simili ignominie.
Chi riesce ancora a distinguere tra i fatti e le chiacchiere, sa che non è stata messa in discussione la semplice adesione del giovane Albertazzi alla RSI.
Metà della nomenclatura comunista aveva aderito al fascismo, più o meno profondamente, per non parlare dei futuri leader della DC, di intellettuali e premi Nobel...
Il problema è che un intero paese, Sestino in provincia di Arezzo, ricorda le gesta eroiche del Maestro, quando nel '44 fucilò un povero ragazzo nel cimitero del paese.
Il fascismo c'entra poco o, addirittura, niente.
Gli 'straccioni' vorrebbero almeno sapere delle qualità degli eroi che gli Olivieri Bea ci propinano e celebrano nelle tenute dei propri amici.
Segue pezzo di archivio di Repubblica.
31/05/2016


(Leggi Tutto... )

PANNELLA
Nonostante fosse un istrione avvolte insopportabile, una prima donna strabordante, ha dimostrato quanto sia 'vano' il potere fine a se stesso. Pannella non ha mai gestito o amministrato alcunché, eppure ha contribuito non poco al progresso civile di questo Paese.
Nessuno avrà memoria per ragioni analoghe degli Andreotti, degli Agnelli, dei D'Alema o dei Veltroni.
Poi, le sue posizioni liberiste, un po' infantili, contro l'art. 18 ad esempio, il suo sostegno a Israele, il suo esasperato leaderismo sono cose che non ricordo con altrettanto piacere.
19/05/2016.

(Leggi Tutto... )

IL SISTEMA DE LUCA
Leggevo un articolo del Mattino - di Salerno -, esilarante, che illustrava i più recenti cambi di casacca politica in concomitanza con le amministrative di giugno: spostamenti tutti verso l'irresistibile calamita che è diventato Vincenzo De Luca.
L’emorragia, specialmente a destra, è notevole: si racconta di transfughi espliciti e di altri che, pur passati sotto le ali potenti del ‘governatore’, preferiscono restare acquattati nei ranghi dei rispettivi partiti.
Domenica scorsa ho seguito a Battipaglia il comizio di apertura di uno dei numerosissimi candidati alle amministrative locali. E’ un boss dei trasporti e della logistica, la sua impresa è cresciuta molto velocemente negli ultimi anni. Era un rappresentante non particolarmente raffinato della destra, o estrema destra, battipagliese; adesso è un imprenditore moderno, molto ricco (a quel che dicono i suoi estimatori), dall'eloquio pacato e dalle grandi visioni: parchi giochi alla Disneyland, strade, palazzi, piste ciclabili e assistenza agli indigenti. Almeno questo è il programma, tipicamente 'cementizio', enunciato nel discorso di apertura della campagna. Discorso confezionato da un esperto, improntato ad un ecumenico ottimismo e sul presupposto che l'oratore aveva già vinto le elezioni. Il Nostro ha abbandonato i simboli della destra storica in favore di una lista civica, con altre cinque liste di sostegno. Più volte, durante il discorso, ha tenuto a precisare di essere in connessione diretta col 'governatore che, come sappiamo, è un uomo del fare'.
Mi domando se lo staff di De Luca faccia anche formazione per gli adepti più promettenti.
Stamane, guardavo la lista ‘di sinistra’ per le amministrative di Salerno: vi sono i soliti reduci sel-rifondazione, e qualche new entry della stessa pasta, ma anche qualche fedelissimo dell’onnipresente governatore. Poi ho visto l'intervista al bravissimo e degnissimo capolista, che tuttavia sembra comportarsi più come un 'asino in mezzo ai suoni' che come un candidato deciso e convinto a battersi per qualcosa. 
A conclusione di quanto sopra, mi domando: De Luca è un genio politico, o gode di una sfacciata fortuna, visti gli avversari che si ritrova ?
SA - 05/05/2016.

(Leggi Tutto... )

IN ATTESA DI OSHO
Bertinight stupisce il mondo: ha scoperto (senza saperlo) tutti in una volta: Adorno, Pasolini, Aldous Huxley e perfino Orwell. Si è anche accorto che la sua esperienza politica è stata carente di 'connessione sentimentale' col popolo. Lo ha scoperto frequentando le riunioni di una organizzazione cattolica correntemente chiamata "Comunione e Fatturazione".
Che dire, meglio tardi che mai ?
Il Nostro, sconsolato, è giunto alle più tetre conclusioni sull'economia, la politica, la morale, quelle che, per la verità, ci spiegano da tempo filosofi, scrittori, alcuni Nobel dell'economia. Non c'è speranza nella morta sinistra italiana (chi bisognerà ringraziare ?), né in Podemos, e nemmeno nelle teorie economiche dei più estremisti dei neokeinesiani. L'unica luce all'orizzonte è...Papa Francesco.
Mi domando: se una riunione a Comunione e Fatturazione ha prodotto questo cataclisma nella fervida mente del vecchio dirigente, che cosa ci riserva il futuro?
Mettiamo che Bertinotti si imbatta in qualche conferenza dedicata al pensiero di Foucault (in effetti, il Nostro, per ora è arrivato ai francofortesi), e scopra che la 'microfisica del potere' non è assimilabile al cerca persone (come ho sentito dire da un autorevole conferenziere nel corso di un simposio promosso da Rifondazione). Chi lo tiene ? Rilascerà interviste a destra e a manca, avendo scoperto (lui e non altri) che la lotta di classe è una sciocchezza.
E se finisce per sbaglio in una riunione di Arancioni e viene folgorato dal pensiero di Osho ? Certo, Bertinotti adepto di Osho è una prospettiva intrigante... Osho, il mistico apostolo dell'amore. Affascinante predicatore, adorato e seguito da milioni di giovani in tutto il mondo, perseguitato (e secondo alcuni fatto fuori) dagli Usa. E' vero, Il fisco americano gli trovò 92 Rolls Royce, ma non è nulla a confronto del patrimonio spirituale che ha lasciato. Ecco, Osho lo vedo particolarmente congeniale; sarà la prossima 'illuminazione' del nostro condottiero? Gli Arancioni stiano preoccupati.

(Leggi Tutto... )

ADESSO VINCE CHI NON VOTA (E NON E' VOTATO)
Renzi si intesta la vittoria dei non votanti con un discorso ufficiale, abbastanza vomitevole.
La regione petrolifera italiana (la Basilicata) è l'unica che ha superato il quorum.
Alla fine hanno votato 15 milioni di persone, che non sono poche.
Si spera che per il prossimo referendum smetteremo di usare i social per scriverci tra noi le cose che già sappiamo.
Consoliamoci, pensando che Salvini, Brunetta e persino la Mussolini hanno perso, pure loro.
Emiliano è un mito 😁
SA - 17/04/2016.

(Leggi Tutto... )

MICHELE SERRA: un intellettuale 'di sinistra' pagato per tormentarsi invano.
Leggo proprio ora il pezzo dell'Amaca dedicato al referendum di domani. Il Nostro si angustia perché si è trasformato in un referendum politico pro o contro Renzi.
Ma perché non dovrebbe essere un referendum politico? Lo è, e non può non esserlo. Serra pensa che vi siano dei referendum 'tecnici' ?
Se poi è 'anche' su Renzi, il merito è solo di Renzi.
Non è stato Renzi a dire che non bisogna andare a votare?
E' necessario spiegare perché un presidente del consiglio dovrebbe astenersi dal dire certe cose ?
E, a proposito del prossimo, sulle modifiche costituzionali, non ha detto che lui sulla riforma della Costituzione si 'gioca tutto' ?
Anche in questo caso, è necessario spiegare perché il responsabile dell'Esecutivo non dovrebbe mai dire simili corbellerie?
Ora, se Renzi è un po' somaro in fatto di cultura politica (un ciuccio innestato a volpe, avrebbe detto mio nonno, e ciuccio in molte altre materie) è un bel guaio per la Nazione, ma anche per chi deve sopportarlo.
Non ha alternative, come sostiene quel volpone colto e stagionato di Macaluso? Un altro bel guaio.
Bisognerà trovarle.
C'è Emiliano, per esempio, che sembra una persona più onesta. Ma questo forse è un handicap insormontabile...
SA - 16/04/2016.

(Leggi Tutto... )

VOTO SI' NON FOSSE ALTRO CHE PER DISGUSTO
Cerco una spiegazione tecnica del referendum di domenica prossima. Dico tecnica, nel senso di spiegare la sola dinamica legislativa che sfocia nel quesito referendario (ammesso che il linguaggio dei legislatori nostrani sia comprensibile):
«Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?»
Ma questo è niente.
La norma in questione è stata modificata o sostituita: dall'art. 35, comma 1, legge n. 134 del 2012, poi modificato dall'art. 1, comma 239, legge n. 208 del 2015 e dall'art. 2, comma 1, legge n. 221 del 2015 e, dulcis in fundo, dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208...😖
L'ultima modifica, cioè la eliminazione dell'obbligo di richiedere il rinnovo della concessione e la trasformazione della sua durata 'a vita' è stata inserita al comma 221 dell'art.1 della legge di stabilità, votata con la fiducia nel dicembre 2015. 
Ed è quel pezzo di norma che andrebbe abrogata col voto referendario, pezzo inserito all'ultimo momento, nell'unico modo in cui poteva passare (è il caso di ricordare che il principio della 'concessione perpetua' era stato bloccato precedentemente sia dai 5stelle che dallo stesso Realacci, del pd).
Un articolo unico, la 'legge di stabilità', con 999 commi che tratta di tutto (persino del finanziamento per lo studio dell'ebraismo con lo stanziamento di 3 milioni all'anno, comma 213...). Un testo unico che va votato in blocco dalla maggioranza, sottoposta al ricatto di elezioni anticipate.
Solo questo basta e avanza per votare contro le indicazioni dell'esecutivo...

P.s..Ma questa va anche detta, sempre per capire come funziona il governo della Nazione: la maggior parte delle concessioni riguardano piattaforme dell'Eni, in scadenza nel 2015. L'Eni ha richiesto il rinnovo delle concessioni con 2 (due) anni di anticipo, ma il ministero competente non ha mai risposto e l'Eni ha continuato a fare il proprio lavoro...
SA - 12/04/2016.

(Leggi Tutto... )

CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO (II)
La stampa locale del 16 marzo, ed anche qualche agenzia a livello nazionale, riporta dell'aggressione perpetrata da alcuni operai della Fonderia Pisano a danno di manifestanti che protestavano contro la fabbrica, situata in un grosso quartiere di Salerno, perché altamente inquinante.
Nel secolo scorso si usava fare volantinaggio davanti alle fabbriche. Ce n'erano parecchie intorno a Salerno, negli anni '70. Quando c'era qualcosa da dire: uno sciopero, una mobilitazione, un fatto da denunciare, si stampava qualche migliaio di volantini con l'indistruttibile Gestenter (elettrico) e si partiva per le fabbriche. La Pisano, che sta esattamente dove stava 40 e più anni fa, era un problema: gli operai facevano una specie di turno autogestito. Lavoravano finché potevano e guadagnavano a cottimo. Un cottimo 'collettivo' che 'obbligava' tutti a tenere un elevato ritmo produttivo e che tuttavia ripagava ciascuno in proporzione al numero di pezzi che riusciva a realizzare nelle otto/nove ore di lavoro. Ciò comportava turni molto elastici, per cui bisognava arrivare lì alle cinque del mattino (o alle sei della sera, se non ricordo male) e aspettare che uscissero le 30/40 persone del turno, uno ad uno, sempre distanziati. Ci potevi passare più di un'ora. Quelli che entravano, erano già entrati...
Una mattina, insieme a noi stava fermo davanti all'ingresso un signore ben vestito, un po' emaciato, che subito ci chiese una copia del volantino. Avevamo scritto una lunga filippica contro la nocività del lavoro sulla scorta di quello che ci aveva raccontato un operaio della stessa fabbrica, che si chiamava Mariano. Constatammo che il signore leggeva attentamente ed approvava continuamente con vistosi inchini in segno di assenso. Non era uno della squadra politica. Anche se fosse stato un nuovo arrivo, lo avremmo sgamato immediatamente. No, non era un poliziotto. Appena finita la lettura commentò: "Ma glielo dico sempre anch'io, ma non c'è verso. Lavorano, lavorano...". Per non dire, scusi ma lei chi è, gli chiesi: "è dell'ispettorato ?" " No, no, sono uno dei proprietari..."
P.S. Il 'compagno Mariano' è morto parecchi anni fa, di tumore.
SA - 17/03/2016.

(Leggi Tutto... )

 

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Giampiero D'Amato. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 1.11 Secondi